Morena Sex cerca cazzo e sborra


Alle volte mi prendono delle voglie che mi fanno venire i brividini proprio là sotto. Sono stanca di dovermi dare da fare da sola con un dildo. Ne ho un cassetto pieno, c’è quello realistico con una bella cappella grossa, come piace a me e quello che ondeggia come un serpente, che tutte le volte che me lo infilo dentro mi fa ridere che quasi sveglio la vicina.

Non ne ho più voglia, troppa plastica, voglio della carne, io, ne ho tutto il diritto. Tutte le volte, fra una bella sborrata e l’altra mi sembra di morire, anche se passano due giorni. Mi sveglio la notte con la bava perché mi sogno di succhiare un pisello come si deve, sentire l’odore forte del maschio e poi leccargli le palle.

Ho voglia di maschio

Non so più che cosa fare. A volte prendo dal cassetto i vibratori, li metto sul letto come soldatini e me li provo davanti allo specchio. Quello è troppo piccolo, quello non mi piace perché si muove male, quell’altro mi fa una nostalgia del cazzo vero e della sborra che quasi mi viene da piangere. Allora mi dico : Morena fattene una ragione, cazzo non ce ne è, dormi!

Poi mi ritrovo a piagnucolare seduta sul mio plug rosa fedelissimo, almeno se ce l’ho nel sedere ho altro a cui pensare e mi faccio un ditalino che non guasta mai. Non si può vivere così, però. Ci vorrebbe un bel maschio con un cazzo dritto e duro, tutto da succhiare e ingoiare, vestita come la sua troia e se non sta al gioco,peggio per lui, lo svuoto come un tubetto di pasta di acciughe e ne cerco un altro.

Quelle sono le sere più noiose, perché tiro tardi a lamentarmi. Il giorno dopo, però, mi metto addosso i miei pantaloni di raso viola lucido, che mi fanno un paio di chiappe da panico, un tacco sobrio, come un 12 laccato nero, che va su tutto ed una camicetta stretta che quasi non respiro, ma che mi regala un paio di tette che fanno diventare viola le altre. Esco in macchina truccata di tutto punto e con uno quei rossetti che reggono parecchio, ma che quando sbaffano fanno capire a tutti l’idea: Pompino con ingoio? Fatto!

Troppo tempo senza cazzo

Uffa, sono passati già tre giorni dall’ultima volta che mi sono fatta montare per bene, ma non mi basta, anzi, è proprio una vera tortura sapere che potrebbero servirne altri due prima che un maschio con le palle si faccia vivo e le tiri fuori dai pantaloni per me. Non che poi mi farei dei problemi a tiragliele fuori io, tanto ho lo smalto gel che regge anche alla carta vetra.

Se però mi tocca fare a mano, quelle palle gliele strapazzo. Le prendo fra le dita come le perle e le faccio roteare, solo per fargli sentire il brivido di chi comanda e poi mi infilo la cappella fra le labbra e comincio a succhiare fin che mi va. Mi va tanto, siete avvisati!

Comunque sarò forte stavolta, non continuerò a controllare le notifiche per verificare se qualcuno ha le mie stesse voglie. Continuerò a darmi lo smalto alle unghie dei piedi con calma, con il mio asciugamano in testa, le mollette sui capezzoli ed il mio fedele plug già bello infilato, segno della mia capacità di contenere le mie voglie.

Andiamo, chiamatemi: Sono la Morena Sex dei vostri desideri!

Ma chi voglio fregare? Io ho voglia di cazzo adesso e se non ne rovo uno impazzisco e tiro tutti i vibratori in strada come fanno i pescatori col pastone, chi sa che qualcuno non sia così gentile da prestare la sua bella canna ad una ragazza in difficoltà che non chiede nient’altro che un po’ di sborra calda…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *